Litchi come se piovesse

 

Mi trovo in questi giorni in quel di Manakara, accompagnando una coppia di Mantova in viaggio. E’ la prima volta che capito qui appena prima della stagione di raccolta dei litchi e lo spettacolo vale la pena dello spostamento. I poveri turisti si son dovuti sorbire l ‘avventura del trenino della foresta per arrivarci (150 km di ferrovia in ben 10 ore su un treno che sembra uscito da un fumetto horror) mentre io li ho raggiunti in macchina (beh non è che sia meglio la strada con una decina di km con almeno 150 curve).

Ma lo spettacolo si preannuncia già a Ranomafana con il primo albero tutto pieno di pallini rossi.

Poi subito dopo la foresta di bamboo letteralmente rasa al suolo ( ma ricrescerà al volo non vi preoccupate) per fare i panieri per contenere i frutti raccolti nelle successive settimane.

E poi poco a pcoco ecco le piante sempre più dense, dei piccoli alberi di natale tondi completamente coperti di questi buonissimi frutti… non ancora completamente rossi per via del ritardo della stagione delle piogge (ma sembra essersi risolto visto che sto scrivendo durante un bel temporale che mi ricorda il clima di milano) ma ancora tutti li.. solo qualche ragazzino a bordo strada ha già cominciato a venderne qualcuno e qualche tiratore di riscio passa sulla via sgranocchiandone un paio.

Al momento , pur tentato, evito di mangiarne perchè la tradizione locale dice che non si devono mai mangiare i primi frutti perchè danno sempre mal di pancia, ma so che fra poco anche il mercato della mia antsirabe sarà invaso e sgranocchiero intere ceste davanti al pc entro breve.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)

Ed ecco i nuovi veicoli

Inizio la stagione 2014 dei miei viaggi in madagascar con un bel trio di nuove macchine, anche se alla fine una sola sarà usata quest’anno per i viaggi.
La prima è un bel 4X4 da nove posti ideale per trasportare famiglie e piccoli gruppi.
1375287_10203677044506352_7142014458662415805_n

Poi invece ho ceduto alla tentazione di comprarmi un bel westfalia del 1973, modello brasiliano, che è tra l altro in ordine ma che ha come difetto il fatto che il vecchio proprietario ha montato un motore nuovo non originale… provvedero’ presto a trovarne uno originale e dare pure una bella ripulita a carrozzeria e interni.

L’obiettivo è di farne un minibus per campeggiatori da affittare a chi ama il campeggio e chi vuole viaggiare con una macchina d epoca da solo in madagascar… vedremo per fine anno o per i primio tre mesi del 2015 quando avro’ il tempo di occuparmene.

1656106_10203429222830965_854263065_n

Poi invece è arrivato alla fine a termine il lavoro sulla ford vedette del 1952… aspetto una settimana libera per testarla su un viaggio da solo 🙂 o se qualcuno vuole venire è favorevolmente ben accettato per il test 🙂

1606970_10203217838546490_950643836_n

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)

Voglia di ritornare a viaggiare

Ormai la stagione delle piogge è finita; due mesi che durava… e la voglia di ritornare a scorrazzare in Madagascar e far conoscere questo paese a chi mi accompagna sta crescendo sempre di più.
Voglia di sferzare la macchina sulle strade dritte e lisce dell’isalo, di vedere i panorami drammatici dell’Andringitra ma soprattutto di ritornare al mare, magari dal mio caro amico Francesco, là in quel di Salary e uscire col buon Zinga a vedre il trono della sirena…. Arrivo fra poco… Madagascar mi manchi…. Poltrona mi hai stufato 🙂

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)

Investire in Madagascar

Ormai giornalmente mi arrivano mail dalla parte di persone che vorrebbero scappare dall’Italia per venire in quello che reputano un paradiso lontano come il Madagascar.
In genere tutti coll’idea di aprire un ristorante italiano o un albergo sulla spiaggia; chi con poche centinaia di euro, chi con capitali più importanti.
E tutti che mi chiedono consigli su come fare. Ok che vivo in Madagascar dal 96 e che all’attivo ho decine di società e di attività di tutti i tipi, ma non posso prendermi la responsabilità di consigliare o sconsigliare un business a una persona.
Il solo grande consiglio che posso dare é questo: non pensate che questo sia un paradiso in terra a meno che non siate dei pensionati con una buona rendita ( e ancora ci sarebbe da dire su questo tema); qui è tutto più difficile che in Italia, specialmente se non si é già nel settore dell’attività che si vuole intrapprendere.
Venite qui innanzitutto non con gli occhi di uno in vacanza, ma provate a viverci almeno un po’ e magari lavorarci dando una mano a qualche organizzazione o qualche investitore locale (non pero’ il sottoscritto che da buon veneto fa tutto da solo): non sarà assolutamente tempo perso, ma prendetelo come un investimento personale per capire come funziona qui il tutto, dalla burocrazia, al rapporto con le persone, alle difficoltà quotidiane e al modo di trovare sempre una soluzione.
Se avete pochi soldi da investire dimenticate di costruire qualcosa che seppur meno dispendioso all’ apparenza che in italia, prevede tempi biblici e spese connesse che a volte superano i budget previsti.
Se avete tanti soldi occhio a come li volete investire: le truffe, specialmente sui terreni e le attività commerciali sono all’ordine del giorno (sappiate già in partenza che non potrete mai essere proprietari a titolo personale di un terreno in Madagascar).
E diffidate da chi vi dice che qui si vive con 500 euro al mese: certo c’è chi ci riesce, ma dimenticatevi il minimo di confort e sicurezza; un clochard in italia avrebbe più lussi che voi in Madagascar con questi 500 euro.
Per cui state attenti a investire in Madagascar… conoscete innanzitutto il paese vivendoci e non facendo solo una vacanza a Nosy Be e poi se volete ne parliamo.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 8.3/10 (3 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +1 (from 3 votes)

Per non perdere l’abitudine

camaleonti
camaleonti

Giusto per non perdere l’abitudine di scrivere quaalcosa tra i vari viaggi, visto che quando sono in giro di tempo ce n e’ veramente poco.
Quest’anno la stagione delle piogge e’ molto calma; ancora nessun ciclone, qualche pioggia sugli altopiani ma niente di grave; un gran sole e tanto caldo.
E i viaggi si susseguono regolarmente, tutti sono contenti, ma devo trovare il tempo di mettere mano ai programmi per il 2014 visto che sono bello in ritardo.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)

Elezioni in Madagascar: secondo turno

Corrispondenza per http://www.africa-express.info/

E’ cominciato oggi, venerdì 20 dicembre, il voto per le elezioni presidenziali e legislative nei 20.001 scrutini del Madagascar.

Quasi 8 milioni di elettori sono chiamati alle urne per eleggere il presidente che porrà fine a questi quasi 5 anni di transizione e allo stesso tempo per eleggere i 151 parlamentari che rappresenteranno gli elettori di ogni distretto amministrativo.

elezioni madagascar
elezioni madagascar

In assenza dei due personaggi principali che hanno ricoperto il posto di presidente dal 2002, Marc Ravalomanana e Andry Rajoelina, entrambi estromessi dalle elezioni sopratutto a causa del veto della comunità internazionale, si scontreranno due ex ministri rappresentanti le parti avverse.

Da una parte Hery Rajaonarimampianina, ultimo ministro delle finanze, un tecnocrate che ha fatto carriera come commercialista di grosse società e che è riuscito comunque negli ultimi 4 anni a non fare troppo vacillare i conti dello stato nonostante l’assenza di finanziamenti esterni da parte della comunità internazionale; la parte avversa, sostenuta dall’ex presidente Ravalomanana, sarà rappresentata da Jean Louis Robinson, un ex ministro della sanità, sconosciuto ai più prima della sua candidatura, ma sopratutto prima del sostegno ricevuto dall’ex capo di stato in esilio.

Lo scrutinio finalmente permetterà di far uscire il Madagascar dalla situazione molto difficile che ha caratterizzato gli ultimi 5 anni, in particolar modo da ché la comunità internazionale (fim, bad e banca mondiale in primis) ha bloccato qualsiasi forma di finanziamento alle politiche statali, finanziamento che fino al colpo di stato rappresentava anche il 65% del budget dello stato.

Il che ha portato una popolazione che stava piano piano uscendo dalla miseria, a ritornare un paese dove più del 90% della popolazione vive con meno di due dollari al giorno.
La voglia di cambiamento, o piuttosto di un ritorno alla situazione pre-golpe é molto sentita specialmente nelle grandi città, la capitale Antananarivo in primis, dove Robinson ha toccato vette anche del 65% durante il primo turno delle elezioni presidenziali.

Partito come outsider sconosciuto, Robinson ha raccolto il sostegno di tutti i partigiani di Ravalomanana e sembra lanciato per vincere queste elezioni.

Da parte sua sconta forse il fatto di essere un meticcio franco-cinese, e in un paese caratterizzato da forte tribalità e forte identità tipica degli abitanti di un isola è un fattore che conta. L’appartenenza più volte ricordata dallo stesso alla massoneria e al partito socialista francese credo che onestamente non spostino più di tanto l’ago della bilancia né in suo favore né in suo sfavore.

Hery invece ha ricevuto il pieno e pubblico supporto del presidente attuale anche se contro la legge, che prevedeva l’assoluta neutralità delle cariche e degli apparati dello stato, e cavalca il sentimento anti Ravalomanana che nonostante tutto tocca ancora una parte importante della popolazione sopratutto localizzata sulle coste del Madagascar.

Il voto si svolgerà sicuramente in maniera pacifica sotto l’occhio attento degli osservatori internazionali e delle forze dell’ordine che per l’occasione hanno raddoppiato la presenza nelle città e nelle campagne.
I risultati invece si faranno attendere perché già la stagione delle piogge ha avuto inizio e certi uffici di voto sono molto lontani da strade asfaltate.
Il problema sarà poi fare accettare l’esito delle elezioni alla parte perdente, visto che già dal giorno del voto si sono sprecate le denunce per frode.
Se vincerà Jean Louis Robinson dovremo anche vedere come la decisione delle urne sarà accettata dai militari, una buona parte dei quali invischiati a alti livelli al il colpo di stato e che temono le vendette possibili del ritorno del vecchio regime.
D’altro canto, se dovesse vincere Hery, di sicuro la popolazione degli altopiani non aprrezzerebbe il risultato delle urne e potrebbero esserci rischi di scontri ;inoltre il fatto di aver dovuto assemblare una coalizione molto vasta durante la campagna elettorale pone dei seri dubbi sulla facoltà che avrà di poter governare come vorrebbe, senza lasciarsi condizionare dagli alleati, alcuni dei quali molto lontani dal voler lo sviluppo del paese.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)

Peste in Madagascar

Ed eccoci ancora agli onori delle cronache mondiali… un nuovo focolai di peste è stato individuato nei villaggi remoti degli altopiani del Madagascar.
Al momento meno di 100 persone sono state toccate in pochi villaggi molto vicini.
Il contatto avviene solo tramite contatto prolungato con ratti, per cui solo in case in cui la presenza di ratti è costante e numerosa.
Oltretutto risulta facilmente curabile con pochi antibiotici e se la gente muore ancora di questa malattia è solo perchè ha una difficoltà di accesso alle medicine, anche le più basilari.
Si parla di villaggi che spesso distano giorni a piedi dalla prima farmacia, senza strade ne connessione telefonica.
Qui di seguito aggiungo anche un’immagine della diffusione attuale della peste… e mi sorprende che gli stati uniti siano uno dei focolai più importanti.

peste
peste
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)

Island of Lemurs: Madagascar

In aprile uscirà questa grande produzione hollywoodiana sul Madagascar che vedrà addirittura Morgan Freeman come voce fuori campo.

Dopo i tre cartoni animati ecco che Madagascar torna sui grandi schermi.

Il sito http://www.madagascar-viaggi.it ci presenta qui una anteprima molto bella

Island-of-Lemurs-Madagascar-trailer-e-poster-del-documentario-in-3D-narrato-da-Morgan-Freeman-2
Island-of-Lemurs-Madagascar-trailer-e-poster-del-documentario-in-3D-narrato-da-Morgan-Freeman-2
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sun is shining

Sun is shining, the weather is sweet
Make you want to move your dancing feet
To the rescue, here i am
Want you to know, y’all, where i stand
ok-sun-is-shining
monday morning here i am
Want you to know just if you can
tuesday evening where i stand
wenesday morning
Tell myself a new day is rising
thursday evening get on the rise
A new day is dawning
friday morning here i am
saturday evening want you to know just
Want you to know just where i stand

When the morning gathers the rainbow
Want you to know i’m a rainbow too
So, to the rescue here i am
Want you to know just if you can
Where i stand, know, know, know, know, know

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)

Andasibe – parte prima

Il parco di andasibe è uno dei parchi che più amo, forse perche e stato tra l altro il primo parco che avevo conosciuto arrivando in madagascar nel lontano 1997.

Ancora guardo con nostalgia i fatiscenti e ormai abbandonati bungalows davanti alla stazione in cui avevo dormito 15 anni fa  e mi ricordo il clima famigliare del ristorante in cui i due amabili camerieri, che tra l altro erano padre e figlio, si sforzavano di capire il mio inglese e cercavano di illustrarmi il ricco menu scritto in francese, per me incomprensibile ancora in quegli anni.

E amavo passaggiare nell unica strada di quel villaggio,  imparando a evitare con destrezza gli avversi ciclonici che proprio in quell’occasione conobbi.

Ancora, nonostante l’evoluzione avuta in questi anni, mi sembra di passeggiare in un borgo medievale in mezzo a gente tutta presa a svolgere i propri mestiri per strada con calma e maestria, sempre pronti a sorridere o a scherzare anche col primo venuto.

Segue….

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)